• Guido Bonatti

Un altro genere di aiuto dalla Cina

Aggiornato il: 17 mar 2020

Di recente il governo cinese ha inviato in Italia nove medici esperti per collaborare nella lotta contro la diffusione del virus, insieme a tonnellate di materiale sanitario.


Ma a livello individuale, quale aiuto ci può arrivare dalla Cina e dai cinesi?


Il momento è davvero difficile per tutti e le conseguenze economiche della pandemia saranno pesanti.


Come ho già scritto in un precedente post, l'addensamento di energie nel simbolo del Capricorno - peraltro governato da Saturno, il dio raffigurato vecchio e malandato nella tradizione astrologica - agisce su tutti noi provocando un ulteriore abbassamento delle energie personali e delle difese immunitarie.


Come vediamo, l'isolamento e il senso di solitudine, la paura del contagio e del crollo economico contribuiscono in maniera spesso silenziosa ma non meno pericolosa al deterioramento delle capacità difensive del nostro sistema immunitario.


Tra la fine di gennaio e l'inizio di febbraio, il presidente della Repubblica Popolare Cinese Xi Jinping, per combattere il virus, ha consigliato di fare ricorso non solo alla "medicina moderna" ma anche alle pratiche di medicina tradizionale cinese.


Tra queste, vorrei condividere con voi un esercizio tratto dalle raccomandazioni della riflessologia plantare cinese per il trattamento della comune influenza e per il rafforzamento delle difese immunitarie.


Che cos'è la riflessologia plantare? E' un tecnica di massaggio dei piedi e delle mani che si basa sull'assunzione (non provata scientificamente) che sui piedi e sulle mani si trovino riflessi tutti gli organi, ghiandole e parti del corpo. La riflessologia plantare cinese si distingue da quella "occidentale" perché fa riferimento alla tradizione medica cinese e dunque a una specifica mappatura delle zone riflessologiche.


Questa tecnica che io cerco di utilizzare quotidianamente (magari prima di andare a dormire) dà effetti benefici sul lungo periodo (direi a partire da 3 settimane continuative di pratica) ed è inoltre un metodo molto efficace per rendersi conto in anticipo dei campanelli di allarme che il nostro corpo spesso ci manda e che noi non siamo normalmente in grado di rilevare.


Come? Semplicemente facendo pressione sulle zone riflessologiche. Più acuto è il dolore, più quella zona è in sofferenza, e dunque necessita dei nostri massaggi.


Ora non spaventatevi :) nella foto vedrete i piedini di plastica che utilizzo per aiutarmi nell'individuazione delle zone riflessologiche:


L'esercizio che vi propongo è il seguente (il tempo specificato è per un solo piede; di solito si preferisce fare tutti i punti del piede destro, e poi quelli del piede sinistro):


1a fase: Detox

Reni: 60 secondi

Vescica: 30 secondi


2a fase: Prevenzione/Trattamento influenza

Polmoni: 60 secondi

Sinus: 30 secondi

Tonsille: 30 secondi

Drenaggio linfatico: 20 colpi


Nella prima fase, massaggiamo le zone corrispondenti al rene e alla vescica, per favorire la detossificazione dell'organismo.

Con il dito indice posizionato come nella foto accanto, premiamo sul punto del rene muovendoci, con il nostro dito indice, insù verso le dita dei piedi e in giù verso il tallone, cercando di coprire tutta l'area con il nostro massaggio.


Non dobbiamo premere con molta forza. Se avvertiamo un dolore acuto, significa che il rene è particolarmente stressato.

Massaggiare per 60 secondi circa.








Per quanto riguarda il punto della vescica, possiamo usare il nostro pollice per massaggiarlo.


Alcuni testi cinesi indicano che sia preferibile massaggiare dal fondo verso l'alto, cioè dal tallone verso le dita.

30 secondi ciascun piede.











A questo punto passiamo a trattare le zone riflessologiche più coinvolte nella prevenzione contro la comune influenza e nel rafforzamento delle difese immunitarie:

Polmoni.


Con il pollice premiamo l'area dei polmoni muovendoci circolarmente sulla zona che vi ho segnalato nella prima foto di questo articolo.


Facciamolo per 60 secondi per ciascun piede.










Seni frontali (cavità all'interno delle ossa del massiccio facciale).

















Prendiamo la punta sotto all'unghia del pollice del piede tra dito indice e medio della mano.


Premiamo e sfreghiamo per circa 30 secondi













Tonsille.


Poniamo le nocche del dito indice e del dito medio della mano sui punti delle tonsille. Facendo pressione muoviamoci avanti e indietro per circa 30 secondi.













Drenaggio dei canali linfatici.


E per finire ecco un punto molto importante per il riequilibrio del vostro sistema immunitario, il punto dei canali linfatici superiori.


Si tratta di una zona a forma di cuscinetto che va dalla intersezione tra dito indice e pollice del piede all'intersezione tra primo e secondo osso del metatarso.


Con l'indice della mano posto nella stessa posizione in cui avete massaggiato la zona del rene, scorrete, premendo, l'area dei canali linfatici, esclusivamente dalle dita del piede in su.


Ad ogni colpo, staccate il dito e riprendete dal basso. Dovete fare un solo movimento, che segua la direzione che va dalle dita del piede alla caviglia. 20 colpi per ciascun piede.


Questo piccolo ma efficace esercizio è finito. Se volete, con l'indice nella stessa posizione dell'ultima parte di questo esercizio, potete premere per circa 30 secondi sull'area circolare intorno alle caviglie che vi ho indicato nella prima fotografia che rappresenta anch'esso un punto riflessologico dei nodi linfatici superiori.


Spero vi sia di aiuto in questa fase complicata. Sono con voi, con affetto,


Guido

2 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti