• Guido Bonatti

2020: anno astrologico pesante

Aggiornato il: 10 mar 2020

Sono passati molti giorni dal mio primissimo post in questo sito, sono successe molte cose nel frattempo e sono tanti gli spunti di riflessione.


Cominciamo dall'anno 2020, che gli astrologi, soprattutto gli specialisti di astrologia mondiale, temevano moltissimo: stiamo infatti attraversando un periodo di concentrazione planetaria nel simbolo del Capricorno (ove si situano: Plutone, Saturno, Giove, raggiunti in questi giorni perfino da Marte).


Dodici anni fa, l'ultimo transito di Giove in Capricorno aveva accompagnato la crisi economica del 2008 e altri valori astrologici concomitanti già menzionati fanno temere il peggio per questo suo ritorno nello stesso segno a 12 anni di distanza.


Partiamo da un dato che salta agli occhi anche ai più profani: è chiaro che quando così tanti "pianeti" si inscrivono nel medesimo "simbolo" (Capricorno) ci troviamo di fronte a un importante raggruppamento delle energie dell'universo; un nucleo relativamente compatto che si esprime con i tratti caratteristici del segno invernale del Capricorno, governato dal pianeta Saturno, signore del Tempo e del limite, secondo la tradizione astrologica.


Secondo André Barbault, astrologo di fama mondiale che ha studiato l'influsso dei pianeti sulla Storia dell'uomo, il 2020 segna uno dei punti più bassi della curva dell'Indice Ciclico Planetario redatta per il secolo XXI; l'indice è uno strumento di calcolo perfezionato dallo stesso astrologo francese che misura la distanza angolare tra i pianeti esterni del sistema solare calcolata al 1° gennaio di ogni anno.


Come potrete vedere dal grafico, l'indice mostra una prima curva discendente in corrispondenza degli anni della crisi economica del 2008, e una seconda curva discendente ben più profonda in corrispondenza degli anni che stiamo vivendo.


Il mio maestro, l'astrologo italiano Ciro Discepolo, sostiene che ad ogni abbassamento della curva dell'indice ciclico planetario corrisponde un innalzamento dei numeri di morti nel mondo (calcolato in milioni di decessi). A suo avviso, la più grande crisi sanitaria che riguarda il nostro mondo non è tanto l'infezione da corona virus, quanto la morte per cancro, e su tale aspetto Ciro Discepolo fa previsioni davvero spaventose che non mi sento di valutare in questa sede.


André Barbault scriveva (e purtroppo in questo momento non riesco a recuperare la fonte) che nel 2020 la Repubblica Popolare Cinese, con la congiunzione Saturno-Plutone in Capricorno, "sembra trovarsi a una tappa importante del suo destino"; al verificarsi cioè della congiunzione Saturno-Plutone sul Giove del tema natale dell'attuale repubblica cinese. Saturno e Plutone si sono incontrati in Capricorno esattamente il 12 gennaio 2020 (a 22°46'), proprio mentre il nuovo corona virus si stava espandendo nella regione dello Hubei.


Questo 2020 si preannuncia un anno particolarmente difficile, soprattutto dal punto di vista energetico, perché questo addensamento di forze in un unico valore invernale richiama alla mente l'immagine del seme che riposa nascosto sotto la terra, "fase di avvio per una lenta maturazione, senza slanci, alla conquista di una meta a scadenza lontana" (A. Barbault, Trattato Pratico di Astrologia, Astrolabio, Roma, 1979, pag. 93); un sole pallido, spento che non sostiene adeguatamente le nostre difese immunitarie, già debilitate.


Anche per questo motivo è di vitale importanza proteggersi con il viaggio di rivoluzione solare mirata per il giorno del vostro compleanno. In attesa di nuovi articoli, sono a vostra disposizione per eventuali consulenze a proposito.


Con un augurio (un po' tardivo ma sentito) di buon Anno nuovo!


Guido

34 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

© 2023 by Flora Day. Proudly created with wix.com